I Dintorni di Piediluco

Commenti disabilitati su I Dintorni di Piediluco
Posted 27 agosto 2013 by admin in Territorio
piediluco

A pochi chilometri a est del lago, in territo­rio laziale, si trova Labro, caratteristico bor­go medievale posto a 628 metri sul livello del mare. Via di accesso naturale al paese è la valle Avanzana, che corre da nord verso sud fino all’altopiano di Leonessa. Nel pas­sato, essendo al confine tra il Ducato di Spoleto e i domini papali, il territorio di Labro fu conteso per lunghi anni. Al tur­bolento Medioevo seguirono la più tran­quilla età moderna e i secoli a noi più vici­ni, segnati dal lento scorrere della vita ru­rale. Il centro si presenta con una struttu­ra ben delineata, suddivisa in tre fasce che dalla sommità del colle degradano verso valle. In alto, nella parte più antica del bor­go, si trovano il torrione, unica testimo­nianza dell’antico castello, la chiesa di Santa Maria della Neve (1508) e il caratteristico teatrino. Nella fascia intermedia i pa­lazzi nobiliari e il castello dei marchesi Nobili-Vitelleschi. Più in basso le abitazioni comuni, costruite con la caratteristica pie­tra locale. Meritevoli di una visita sono anche i più piccoli Pie di Moggio e Colli sulVelino.

Non lontano dal lago si trovano ColleSant‘Angelo e Buonacquisto, Marmore (conil Belvedere Superiore del­la Cascata delle Marmore e villa Lina, dell’ar­chitetto Mario Ridolfi) e, lungo la Valnerina:Papigno. castello medieva­le; Collestatte, di origine altomedievale. cresciuto a fasce concentriche at­torno a una torre di av­vistamento: Torre Or­sina, con il Parco delle sculture di Aurelio De Fe-lice; Arrone. castello alto medievale, con una chiesa gotica dedi­cata a San Giovanni; Montefranco, castel­lo costruito da ghibellini arronesi; Ferentillo, posto a difesa, insieme ai due centri di Matterello e Precetto, di un feudo dato in concessione nel 1190 all’abate di San Pietro in Valle, importante abbazia sorta alla fine dell’XI secolo su un preesistente complesso monastico del VI secolo. A Matterello si trovano la chiesa di Santa Maria (originaria del Duecento e poi trasformata nel Cinquecento) e la chiesa di San Giovanni Battista (risalente al Trecen­to). A Precetto si trova la chiesa di Santo Stefano, nella cui cripta (XIV sec.) sono conservate numerose salme mummificate. In posizione elevata (835 m s.l.m.). lungo la valle del torrente Rosciano, si trova Polino, il più piccolo comune dell’Umbria per numero di abitanti, importante castel­lo al confine tra il ducato longobardo e la Sabina, che deve il suo nome ai feudatari del XII secolo. All’interno della sua rocca rinascimentale, di impianto poligonale, con mastio circolare rinforzato da due torri addossate, anch’esse circolari, si trova il Museo dell’Appannino Umbro.